Mercoledì 18 Luglio 2018

Rifiuti: a Cesena in 5 anni la raccolta differenziata è passata dal 40 al 60%

Venerdì 12 Gennaio 2018 - Cesena
Paolo Lucchi (Pd) sindaco di Cesena

Dal 2011 al 2016 si è passati da quasi 40.000 tonnellate di indifferenziato all’anno alle 27.000 attuali

Sono numeri positivi quelli della raccolta dei rifiuti a Cesena che il sindaco Paolo Lucchi snocciola con soddisfazione. "Dal 41,7% di raccolta differenziata del 2011 il percorso progettuale ci ha fatto arrivare al 60,38% del 2016 e si è passati da quasi 40.000 tonnellate di indifferenziato all’anno alle 27.000 attuali - dice il primo cittadino - Si tratta di una riduzione molto importante, che offre da un lato l’opportunità di mantenere contenuti i costi, ma soprattutto si tratta di un ottimo risultato dal punto di vista ambientale; si possono stimare a 50.000 le tonnellate di rifiuto indifferenziato che dal 2009 ad oggi non sono state inviate a smaltimento".



Se la raccolta dei rifiuti è un problema in molte città d'Italia, non lo è invece a Cesena, dove il sindaco Paolo Lucchi può ritenersi soddisfatto di quanto realizzato negli ultimi anni.
"Nel territorio comunale il percorso inizia nel 2011 con il Quartiere Oltre Savio, per poi proseguire quartiere dopo quartiere cercando di accompagnare nuovi servizi a comunicazione ed educazione - esordisce il primo cittadino -. Dal 41,7% di raccolta differenziata, inizialmente presente, il percorso progettuale ci ha fatto arrivare al 60,38% del 2016 e si è passati da quasi 40.000 tonnellate di indifferenziato all’anno alle 27.000 attuali. Si tratta di una riduzione molto importante, che offre da un lato l’opportunità di mantenere contenuti i costi, ma soprattutto si tratta di un ottimo risultato dal punto di vista ambientale, che ci consente di evitare di mandare ad inceneritore notevoli quantità di rifiuto ogni anno; si possono stimare a 50.000 le tonnellate di rifiuto indifferenziato che dal 2009 ad oggi non sono state inviate a smaltimento. Ogni anno i risparmi derivanti dai mancati smaltimenti sono stati così reinvestiti in nuovi progetti".

I primi giorni dell'anno sono quelli dei bilanci di quello appena terminato.
"Per quanto riguarda il 2017, i dati di raccolta differenziata sono ancora in elaborazione - chiarisce Lucchi -, ma prime stime incoraggianti presentano un ulteriore aumento del 3% circa. Aumento dovuto ai progetti introdotti nel centro urbano, che vedranno il loro completamento nel corso del 2018, in cui si perfezionerà il porta-a-porta in tutti i quartieri. Si porranno così le basi per il fondamentale passaggio verso un nuovo sistema di tariffazione di tipo puntuale, più equo, in cui ognuno pagherà in misura di quanto rifiuto effettivamente avrà prodotto. La leva economica sarà in questo senso anche un ulteriore occasione per il raggiungimento degli obiettivi di legge (che per Cesena sono il 70%)".

Informazione, educazione e repressione sono gli strumenti per essere "padroni dell'immondizia".
"Con l’obiettivo di educare a non sprecare cibo, è nato il progetto “Qui Zero Spreco”: 30 ristoranti sono stati coinvolti per rendere sempre più strutturata ed effettiva la prassi del doggy bag - spiega il primo cittadino cesenate -. Oltre 4.200 'kit antispreco' sono stati impiegati dai ristoratori, invitando i clienti a portare a casa il cibo non consumato. Sono circa 240 i chili di cibo non sprecato. Il progetto, che ha avuto apprezzamento, ha visto confermato il finanziamento da parte dell’Agenzia Regionale e vedrà continuazione ed implementazione anche nel corso del 2018. Nel 2017 sono state messe in atto misure volte a contrastare quei pochi, che non assumono comportamenti corretti a discapito dei tanti per i quali avere una città pulita è un valore comune - aggiunge Lucchi -. Grazie alla stretta collaborazione con la Polizia Municipale, sono state rilevate 156 sanzioni, equivalenti a circa 20.000 euro, che verranno impiegati per altrettanti progetti di educazione e di contrasto alla maleducazione, andando ad affrontare alcune aree della città particolarmente critiche. Due nuove telecamere vengono in questi giorni posizionate (saranno così quattro), andando così a confermare l’impegno iniziato, con l’obiettivo di vederlo rafforzato nel corso di quest’anno".

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it