Lunedì 26 Febbraio 2018

Malatesta Novello, iniziato il lavoro di indagine sui resti rinvenuti nell’urna

Domenica 11 Febbraio 2018 - Cesena

Dopo il minuzioso lavoro preliminare per togliere la lapide e riesumare l’urna, in Biblioteca Malatestiana sono iniziate le indagini più importanti: quelle sui resti di Malatesta Novello contenuti all’interno della teca. Intanto, una prima conferma è arrivata dall’esame di quest’ultima: si tratta, effettivamente, dell’urna in cui nel 1905 furono trasferite le spoglie conservate nell’Aula del Nuti, dopo i lavori di restauro che restituirono alla Biblioteca la fisionomia attuale.

 

 

Trasportata con tutte le attenzioni dall’Aula del Nuti alla Sala del San Giorgio, la teca è stata aperta da Francesco Maria Galassi e dai suoi collaboratori, svelando il contenuto. L’operazione è stata eseguita prendendo tutti gli accorgimenti per evitare possibili contaminazioni, nel caso in cui si riesca – come viene auspicato – ad arrivare ad un esame genetico.

 

All’ interno dell’urna sono state ritrovate – secondo quanto anticipato da Galassi - ossa umane, fra cui quelle che compongono gli arti inferiori e una porzione di cranio. Ora l’equipe di ricercatori è al lavoro per ripulire e classificare ogni singolo osso. Si passerà poi al campionamento dei resti: i microframmenti che verranno prelevati serviranno per poter eseguire altri esami di laboratorio, primo fra tutti quello con il radiocarbonio, che consentirà di stabilire il periodo storico a cui le spoglie risalgono.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it