Venerdì 16 Novembre 2018

Eventi. Il 14 settembre a Savignano la nuova edizione di Si Fest, festival di punta della fotografia

Mercoledì 12 Settembre 2018 - Savignano sul Rubicone
Relatori SiFest 2018

La 27esima edizione di "Si Fest" apre ufficialmente al pubblico venerdì 14 settembre alle 18 con un parterre internazionale di autori pluripremiati, personalità del mondo della fotografia e un programma ricchissimo di appuntamenti che confermano, oggi come sempre, la kermesse di Savignano sul Rubicone come uno degli eventi di punta del settore fotografia in Italia.


La tre giorni, presentata oggi mercoledì 12 settembre alla presenza di Filippo Giovannini, Sindaco di Savignano sul Rubicone, Maura Pazzaglia, Assessore alla Cultura, Isa Perazzini, Presidente di Savignano Immagini, Mario Beltrambini, Presidente dell’associazione “Cultura e Immagine”, Roberto Alfano, Laura de Marco e Christian Gattinoni, direttori artistici e Tomas Maggioli direttore artistico di "Si Fest off" propone al suo pubblico una successione di appuntamenti tra cui 18 talks, 9 visite guidate, 3 workshop, uno spazio dedicato all’editoria indipendente, la consueta sezione Off, un murales realizzato come performance in real time e una nuova proposta ‘Junior’ per educare allo sguardo i giovanissimi.

Cuore della manifestazione le 14 mostre, per la quasi totalità inedite in Europa o in Italia. Il programma si apre con un’anteprima giovedì 13 settembre alle 17 alla Galleria d’Arte “Leonardo Da Vinci” di Cesenatico (in viale Anita Garibaldi, 3) con l’inaugurazione della mostra ‘Beginners Luck’ di Emanuele Camerini alla presenza dei Sindaci Matteo Gozzoli del Comune di Cesenatico e Filippo Giovannini del Comune di Savignano sul Rubicone. Quindi si terrà la cerimonia inaugurale in piazza Borghesi a Savignano sul Rubicone venerdì 14 settembre alle 18 alla presenza del Sindaco Filippo Giovannini, dell’Assessore alla Cultura Maura Pazzaglia, dei direttori artistici Roberto Alfano, Laura De Marco e Christian Gattinoni, Isa Perazzini, Presidente di Savignano Immagini e Mario Beltrambini, Presidente dell’Associazione “Cultura e Immagine”. Dalle 18 alle 20 sempre in piazza Borghesi sarà aperto lo spazio interamente dedicato all'editoria indipendente ‘On being Books’ in cui saranno presenti per l’intera tre giorni gli editori: Ceiba Editions, L’Artiere, Skinnerboox, Witty Kiwi, RVM Magazine, Postcart Edizioni, FW:Books, Archipelago, Danilo Montanari Editore, Depart Pour L’image, IED. Dalle 19 alle 21 dj set Gola a cura di Santarcangelo Festival per Si Fest 18. Alle 19,30 appuntamento in Sala Allende a palazzo Martuzzi per il taglio inaugurale della mostra Internat di Carolyne Drake alla presenza dell’autrice e in contemporanea apertura di tutte le mostre di Si Fest e Si Fest off che resteranno visibili fino alle 24 del 14 settembre e a seguire, dalle 9 alle 01 di sabato 15 settembre e dalle 9 alle 20 di domenica 16.

Altro momento clou della prima giornata la proclamazione dei lavori vincitori del Premio Pesaresi promosso dai Comuni di Savignano sul Rubicone, Rimini, Forlì e Ravenna. L’appuntamento è alle 21,30 in piazza del Torricino alla presenza di Lina Pallotta, presidente della giuria del premio, Maura Pazzaglia, Assessore alla Cultura del Comune di Savignano sul Rubicone, Denise Wolf di Aperture, Claudio Corrivetti di Postcart Edizioni, Isa Perazzini e i direttori artistici. Nell’occasione sarà presentato il libro “Il tempo di un viaggio” tratto dalla mostra sulla Transiberiana presentata a Si Fest 17. Durante le giornate inaugurali molti saranno i momenti di scambio e confronto non solo per gli addetti ai lavori; Si Fest 18 propone incontri in spazi aperti per coinvolgere il maggior numero di persone e appassionati. Oltre alle letture portfolio, appuntamento ormai fisso per gli addetti ai lavori, ci saranno gli ‘On BeingTalks’ con gli autori presenti in questa edizione (Max Pinkers, Richard Renaldi, Andrea e Magda, Caroline Drake, Murray Ballard, Camille Léveque) e incontri ‘Open’ tra i quali l’appuntamento di presentazione della mostra ‘Ferdinando Scianna: viaggio, racconto, memoria’ alle 17 del 15 settembre in piazza Amati. Novità assoluta sarà anche la proiezione del video ‘The Way We Live Now’, uno slideshow che racchiude i lavori di tutti gli autori selezionati per la Aperture Summer Open, uno spaccato della fotografia emergente mondiale (in piazza del Torricino il 15 settembre in seconda serata).

Domenica 16 settembre, in piazza Borghesi, sala Accademia dei Filopatridi, alle 18, si terrà la proclamazione del Premio Si Fest / Portfolio “Lanfranco Colombo” e la conclusione. A seguire serata djset con Gola. Chi siamo oggi? Cosa vuol dire essere ed esistere sul nostro pianeta nel 2018? “On Being Now”, tema e titolo di Si Fest 2018, definisce il campo di indagine della 27esima edizione del festival che, mai come quest’anno, cambia volto. La manifestazione coinvolge l’intero centro storico di Savignano sul Rubicone, a partire da piazza Borghesi, centro e fulcro del Festival, dove si svolgeranno le letture portfolio, fino a corso Vendemini su cui si affacciano i principali spazi espositivi come Palazzo Martuzzi, Vecchia Pescheria e Monte di Pietà, che diventerà uno spazio dedicato a piccole pratiche fotografiche per i più giovani con Si Fest Junior. Anche la via Emilia è coinvolta nella zona del Consorzio di Bonifica, Montemaggi Designer ed Euromobili Montemaggi, mentre al di là del Rubicone, all'interno dello storico Palazzo Don Baronio, ci sarà il circuito Off del Festival. L’intera città accoglierà gli eventi collaterali durante le giornate inaugurali e le vetrine dei negozi, in collaborazione con il Comitato Operatori del Centro Storico, saranno allestite con immagini tratte dal fondo storico delle cartoline postali del Comune di Savignano.

Da segnalare ‘Intorno alla fotografia - RIitratti in lavanderia’, workshop a cura di Francesco Neri che affronta la tematica del ritratto fotografico, sia negli aspetti legati alla fase di produzione che a quella di analisi, nel tentativo di comprendere cosa sia e cosa significhi fare e guardare un ritratto ambientato all’interno di una stabilimento durante le fasi di lavoro. Il workshop si tiene presso l’azienda Linea Sterile S.p.A., che fornisce servizi integrati per strutture sanitarie quali dispositivi tessili per reparti, personale e sale operatorie. Il workshop è parte del progetto Ritratti DI/IN fabbrica e le fotografie realizzate saranno oggetto di una mostra in occasione del Si Fest 2019. Per la prima volta al Si Fest entra ad essere protagonista anche la Street and Urban Art grazie alla straordinaria iniziativa ‘Portanova12 porta Chekos'Art a Si Fest' a cura di Antonio Storelli (art director) e Massimo Cattafi (managment director) della Galleria Portanova 12 di Bologna in collaborazione con Gruppo IVAS, e GV3 Gruppo Venpa. A Chekos, street artist attivo dagli anni 90 e noto a livello internazionale, è affidato il compito di realizzare uno dei suoi emblematici murales “Optical” che racchiuda il senso della tematica del festival -On Being Now- imprimendo un’immagine simbolica nel cuore di Savignano. Durante le giornate inaugurali all’interno dell’area riservata al festival, dalle 10 alle 19, si potrà assistere alla creazione dell’opera dell’artista. i partner di questa nuova edizione di Si Fest sono direttamente coinvolti nelle attività del festival, creando un reciproco e fruttuoso scambio. Partendo dal partner creativo Le Balene, agenzia pubblicitaria fondata nel 1980 da Enzo Baldoni, che ha lavorato in simbiosi con il Festival rinnovandone la veste grafica e l’impianto comunicativo al fine di raccontare in maniera chiara e diretta la propria identità, la propria mission e i propri valori unici. Oggi Le Balene è il centro propulsore di un sistema comprendente anche una casa di produzione video/fotografica, Trees Home, e un libero spazio di sperimentazione e monitoraggio di tutto ciò che di nuovo si muove nel mondo dell’innovazione e della cultura, Acqua su Marte. Spazia dall’advertising alla comunicazione interna, dal digital marketing al graphic design, sempre con grande attenzione alla qualità delle idee e della realizzazione. Lavora per clienti grandi come Pirelli, Heineken, Generali, Edison, ma ama anche cimentarsi con progetti come Il Collaccio, MarterNeri, DifferentHood o il SI FEST.

Università di Bologna, istituzione tra le più autorevoli al mondo, quest’anno concede il patrocinio a Si Fest. Un endorsement che vuole mettere le basi per la realizzazione di un progetto di più lunga durata che verrà sviluppato nel 2019. “Sostenere la cultura significa scegliere quello che può esserle salutare – afferma Giuseppe Gagliano, Direttore Centrale Relazioni Esterne Gruppo Hera – Ecco perché anche quest’anno abbiamo deciso di sposare il progetto del Si Fest, riconoscendoci in una proposta che coniuga ricerca, apertura, inclusività, attenzione ai giovani e alle nuove forme espressive. Lungi dall’essere un’arte che immobilizza le cose – prosegue Gagliano – la fotografia ne rivela piuttosto movimenti altrimenti trascurati, dando loro una parola nuova, che amplia i nostri orizzonti e la nostra capacità di leggere quel mondo di cui, anche come azienda, ci prendiamo cura ogni giorno.”

Nell’anno del rilancio di Si Fest, Ied Milano diventa partner culturale dell’evento con la presenza di un iniziativa speciale all’interno della cornice del Festival volta a valorizzare i lavori degli studenti. Una commissione interna sceglierà 10/15 lavori di studenti, che verranno stampati ed esposti durante le giornate inaugurali in uno spazio ad hoc. Gli studenti del II anno di fotografia, sono stati chiamati a produrre una campagna web / social. Infine, durante il periodo di apertura del Festival, Ied offrirà un workshop gratuito che verrà promosso come iniziativa speciale targata Ied. L’azienda Zanzani, fondata nel 1914, eccellenza 100% made in Italy nella produzione di tacchi ed accessori nel mercato calzaturiero, quest’anno si conferma promotore di Si Fest, sostenendo la fotografia italiana emergente. L'Ortofrutta Caligari e Babbi nasce a Savignano sul Rubicone nel 2003 grazie a Caligari Vittorio e Babbi Marco. L'azienda è specializzata nel ritiro, selezione, lavorazione e commercializzazione del finocchio in Italia e all’estero. Nel Giugno 2015 ha creato il proprio marchio ‘Finò il finocchio italiano’.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it