Telecamere RAI di “Uno Mattina Estate” approdano a Cesena per raccontare Federico Fellini attraverso gli scatti di Paul Ronald

Più informazioni su

Storia di una vita straordinaria. Dall’amore per Giulietta Masina alla magica atmosfera che si respirava sui set cinematografici dei suoi film. Domani, venerdì 7 agosto, a partire dalle 9, Rai 1 approderà in Romagna con la trasmissione “Uno Mattina Estate” per raccontare, con un doppio collegamento Rimini-Cesena, il genio di Federico Fellini nel centenario della nascita. Saranno i giornalisti Patrizia Angelini e Vincenzo Mollica a ripercorrere i film diretti dal regista romagnolo e diventati oggi riflesso della spensieratezza tipica del “vitellone”, ma non solo. Un immaginario sospeso tra sogno e realtà, tra desideri e ossessioni, che ha reso l’opera di Fellini un classico del cinema. In questo percorso che prende avvio in Romagna, laddove tutto è partito, le telecamere di “Uno Mattina Estate” faranno tappa anche a Cesena nella Galleria d’Arte del Ridotto dove è allestita la mostra curata da Antonio Maraldi del Centro Cinema – Città di Cesena “Fellini ritrovato. 8 ½ nelle foto inedite di Paul Ronald”.

L’esposizione, aperta al pubblico fino a domenica 30 agosto, è stata realizzata con gli scatti da set, rimasti inediti per decenni, di Paul Ronald, fotografo di scena ufficiale del film. Dagli oltre 2.200 negativi e dalle 250 diapositive a colori, donate dal fotografo stesso al curatore, è scaturita una mostra, inizialmente di sole 50 immagini, accolta tra le iniziative proposte dal comitato nazionale delle celebrazioni felliniane. La mostra è già stata ospitata a Rio De Janeiro, Helsinki, Bratislava ed entro la fine dell’anno andrà a Lisbona, Gerusalemme, Los Angeles. L’esposizione cesenate – organizzata dal Centro Cinema Città di Cesena in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna – ha però una sua peculiarità sia per il numero di foto esposte (oltre 60) che per l’originalità in quanto diverse verranno svelate al grande pubblico per la prima volta.

Più informazioni su