Giro d’Italia. Alla tappa di Cesenatico Autostrade per l’Italia consegna premi agli “Eroi della sicurezza”

Autostrade per l’Italia anche quest’anno premia l’impegno per la sicurezza stradale grazie all’iniziativa Eroi della Sicurezza, nell’ambito della partnership con il Giro d’Italia. Nell’edizione 2020, ASPI consegna un premio a 14 ufficiali della Polizia Stradale, con cui quotidianamente lavora in stretta collaborazione per garantire la sicurezza degli utenti in viaggio sulle autostrade. La Polizia Stradale contestualmente assegna un riconoscimento a 10 operatori di Autostrade per l’Italia che hanno dimostrato una forte dedizione al proprio lavoro, mettendo a disposizione competenze e impegno, ben oltre le proprie mansioni. Alla partenza della tappa del 15 ottobre a Cesenatico, Autostrade per l’Italia consegna un premio all’Assistente Claudio Onofrio Giannoccaro e all’Agente Carlo Rosiello, in servizio presso la Sottosezione Autostradale di Parma.

L’8 luglio 2019, alle 15:45 circa, in seguito ad una nota di ricerca di un autobus con a bordo 23 bambini e alcuni docenti, del cui conducente si era segnalato l’apparente stato di ebrezza, la pattuglia composta dall’Ass. Claudio Onofrio Giannoccaro e dall’ Ag. Carlo Rosiello si sono immediatamente attivati alla ricerca del veicolo. Qualche minuto dopo, gli operatori hanno raggiunto il veicolo, la cui andatura metteva a rischio l’incolumità dei passeggeri e degli altri veicoli su strada, fermando il mezzo, trasferendolo in sicurezza nella vicina area di servizio, e procedendo poi alla verifica etilometrica dell’autista, il cui esito era positivo (2.36gr/l).

Gli operatori hanno dimostrato una grande sensibilità ed empatia, riuscendo a tranquillizzare i 23 bambini e professori che durante il viaggio hanno temuto per la propria incolumità.
La Polizia Stradale consegna inoltre un riconoscimento al forte impegno manifestato nel proprio lavoro a Sauro Bellarosa del Tronco di Bologna di Autostrade per l’Italia, rimasto coinvolto in un
improvviso incidente durante il servizio. Il 21 agosto scorso, a seguito dell’incendio di un mezzo pesante e conseguente blocco del traffico, l’operatore d’esercizio era stato incaricato della distribuzione dell’acqua agli utenti bloccati in coda.

Era appena giunto da Rimini, intento all’assistenza agli utenti all’altezza di Castel San Pietro quando si è accorto che un mezzo pesante stava piombando sull’accodamento a forte velocità e
senza accennare a frenare. Il camion si è schiantato sulla coda cappottandosi sul mando stradale. Sauro ha sventato l’investimento buttandosi in scarpata, per poi risalirne e prestare subito
soccorso agli utenti rimasti coinvolti nell’incidente. E’ stato il primo a comunicare alla sala radio l’incidente con lucidità e freddezza, attivandosi a soccorso dei tanti mezzi coinvolti nello schianto,
ed estraendo da una vettura schiacciata sotto il camion l’unico occupante miracolosamente illeso.

Non era la prima volta che rimaneva coinvolto in un incidete di quella portata. Sauro ha infatti prestato anni di servizio in ASPI, lavorando ogni giorno al servizio degli utenti.