Cronaca. Derubavano auto e spedivano bottino per posta ai parenti, arrestate tre persone

Furti nelle aree di servizio, l'ultimo in quella Rubicone: fermati dalla Polstrada a Bologna

Più informazioni su

Per liberarsi della refurtiva quasi in tempo reale avevano scelto un metodo originale: dopo aver rubato pc portatili, tablet, smartphone e macchine fotografiche dalle auto parcheggiate nelle aree di servizio in autostrada, mandavano tutto per posta a un familiare. Alla fine, pero’, la squadra di Polizia giudiziaria della Polizia stradale dell’Emilia-Romagna, coordinata dal pm di Bologna, Michele Martorelli, e’ riuscita a sgominare la banda, composta da tre pregiudicati napoletani di 39, 43 e 52 anni.

L’indagine, spiegano dalla Polstrada, e’ iniziata in aprile dopo “il furto di un personal computer su un’auto in sosta nell’area di servizio Pioppa Est, sull’autostrada A14 nel Comune bolognese di Zola Predosa”. Gli investigatori hanno scoperto che i tre “si garantivano un facile accesso alla refurtiva usando un dispositivo elettronico che inibisce il segnale inviato dalla chiave-telecomando all’auto, impedendo la chiusura del veicolo”.
Le manette sono scattate nel primo pomeriggio di martedi’, quando gli agenti, appostati nell’area di servizio Rubicone della A14, hanno visto i tre “armeggiare all’interno di un’auto in sosta e allontanarsi dopo pochi secondi”. Dal momento che nell’area di servizio c’erano molte persone, i poliziotti non sono intervenuti subito, preferendo pedinare i ladri, e cosi’ facendo hanno scoperto il metodo con cui la banda si liberava della refurtiva. I tre, infatti, dopo essere usciti dall’autostrada “si sono diretti all’ufficio postale Bologna-Fiera” per spedire un pacco, e a quel punto sono stati arrestati. Il pacco conteneva “tre pc portatili di varie marche rubati in giornata, del valore complessivo di circa 6.000 euro, tra cui quello rubato nell’area di servizio Rubicone”.

I tre sono stati portati in carcere, mentre sono ancora in corso le indagini per trovare i proprietari del resto della refurtiva.

Più informazioni su