L’Amministrazione Comunale di Cesena incontra i genitori dei 93 bimbi non ancora in regola

Più informazioni su

Nel pomeriggio di ieri, mercoledì 31 luglio, nella Sala del Consiglio comunale, il Sindaco di Cesena Enzo Lattuca e l’Assessore ai Servizi per le persone e le famiglie Carmelina Labruzzo hanno incontrato i genitori dei 93 bambini frequentanti i nidi comunali e privati convenzionati e le scuole dell’infanzia comunali di Cesena non ancora in regola con gli obblighi vaccinali, secondo quanto disposto dalla legge n. 119/2017. Insieme a loro era presente la dirigente comunale del Servizio nidi e scuole dell’infanzia, dottoressa Monica Esposito.

“Abbiamo chiesto alle famiglie dei bambini non vaccinati di poterle incontrare – spiega il Sindaco Enzo Lattuca – sia per ribadire la necessità che dal prossimo anno scolastico 2019/2020, dato che sarà il primo ad iniziare con la Legge 119/2017 pienamente in vigore, venga rispettato quanto previsto dalla legge stessa, che per illustrare loro la procedura che il Comune di Cesena seguirà per l’acquisizione della documentazione relativa agli obblighi vaccinali, che condivideremo anche con i dirigenti scolastici delle scuole dell’infanzia statali e con i responsabili di quelle private convenzionate, in modo da favorire la sua applicazione su tutto il territorio comunale”.

La procedura prevede che entro il 12 agosto le famiglie dei bambini non in regola con gli obblighi vaccinali presentino la documentazione richiesta ai sensi della Legge 119/2017 per la frequenza dei servizi educativi e scolastici.

Successivamente al 12 agosto vedranno confermata l’iscrizione esclusivamente quei bambini le cui famiglie avranno presentato idonea documentazione, mentre per quei bambini le cui famiglie presentino formale richiesta di appuntamento all’AUSL per procedere alle vaccinazioni verrà mantenuta la validità dell’iscrizione senza però poter frequentare la scuola. Questa iscrizione “sospensivamente condizionata” varrà fino al 31 ottobre 2019, termine entro il quale le famiglie dovranno presentare il certificato vaccinale con la prima vaccinazione e il programma vaccinale definito dall’AUSL o la conclusione del percorso vaccinale o del programma vaccinale per l’anno educativo/scolastico 2019/2020, tenuto conto dell’età dei bambini. Scaduto il termine del 31 ottobre 2019, per chi non avrà presentato idonea documentazione si procederà alla decadenza dell’iscrizione, con relativo scorrimento delle graduatorie per la sostituzione dei posti. È prevista invece sin da subito la decadenza dell’iscrizione per quei bambini (sia nuovi iscritti, che già frequentanti nell’anno passato) le cui famiglie non presentino entro il 12 agosto alcuna documentazione.

“Con l’incontro di oggi – conclude il Sindaco –, così come con la scelta di sospendere l’applicazione delle sanzioni derivanti dall’ordinanza sindacale del 30 aprile scorso, abbiamo voluto dimostrare alle famiglie coinvolte la massima sensibilità e l’assenza di qualsiasi intento vessatorio. Ribadiamo con assoluta fermezza la volontà di far sì che, a partire dal prossimo anno scolastico, le previsioni della Legge 119/2017 vengano applicate nelle scuole di competenza comunale, e auspicabilmente su tutto il territorio cittadino, senza ulteriori ritardi e tentativi di elusione. Al dovere che sentiamo irrinunciabile di rispettare la legge, si unisce la determinazione nel voler tutelare la salute pubblica, ed in particolare quella dei bambini immunodepressi”.

 

Più informazioni su