Cesenatico. Spiaggia con misure più ampie, plastic free e divieto di fumo in battigia

Più informazioni su

Dopo un confronto con le associazioni di categoria e le rappresentanze sindacali, nella mattinata odierna il Sindaco Matteo Gozzoli ha firmato l’ordinanza integrativa balneare 2020 e l’ordinanza rumori 2020. L’ordinanza balneare presenta importanti novità introdotte a livello regionale per fronteggiare l’emergenza sanitaria da COVID-19.

È confermato il divieto di accesso in spiaggia oltre l’orario di apertura degli stabilimenti balneari, e comunque dalle ore 01.00 alle ore 05.00, fatta eccezione per gli eventi autorizzati nel rispetto dei protocolli di sicurezza e delle ordinanze in vigore. L’accesso alle spiagge libere è consentito dalle ore 7.30 alle ore 22.00 mentre l’accesso ai cani alla spiaggia è consentito dalle 06:00 alle 08:00 e dalle 20:00 alle 22:00 nello specchio acqueo antistante le seguenti spiagge libere: Zona Cesarini (Villamarina), Valverde nella zona compresa tra le concessioni Fincarducci ed Eurohotel, Boschetto zona Diamanti, Ponente spiaggia Spose dei Marinai, Zadina spiaggia libera compresa tra il canale Tagliata e il bagno Camping Cesenatico.

Al fine di evitare che l’accesso di persone nelle ore notturne possa pregiudicare il mantenimento dei livelli di sicurezza delle misure anticovid (disinfezione delle strutture e attrezzature), è consentito ai gestori di stabilimenti balneari di chiudere durante la notte l’accesso agli stabilimenti mediante strutture provvisorie. Rispetto all’ordinanza regionale sono ampliate le distanze minime per la disposizione dei lettini, la distanza “minima” tra i paletti perpendicolari o paralleli al mare è portata a 3,25 ml e la superficie minima per ogni ombrellone non potrà essere inferiore ai 12mq. Altre misure sono la distanza dal confine portata a mt.1,70; distanza dalla passerella: mt.1,75; distanza tra lettini senza ombrellone: ml.1,50. Inoltre, la fascia di rispetto di mt.1,70 dai confini tra gli stabilimenti balneari dovrà essere mantenuta libera da ogni tipo di costruzioni e/o attrezzature.

Per garantire il maggiore distanziamento possibile, l’ordinanza stabilisce la possibilità di installare un numero massimo di 2 lettini e 1 poltrona per ombrellone. Mentre, per superfici a ombrellone pari o superiori a mq.16, con l’obbligo di distanziamento di almeno un metro, è consentita l’installazione di un numero massimo di 3 lettini.
Per quanto riguarda le attività degli stabilimenti balneari ed esercizi pubblici posti sull’arenile, si precisa che dal 23 maggio al 30 settembre potrà essere svolta una festa di intrattenimento alla settimana dalle ore 9.00 alle ore 24.00, rispettando i protocolli di sicurezza e delle ordinanze regionali in vigore. Gli stabilimenti balneari possono essere autorizzati allo svolgimento di un’ulteriore serata settimanale da svolgersi in collaborazione con le organizzazioni economiche territoriali.

Sono vietati gli intrattenimenti danzanti e gli eventi musicali di qualsiasi genere, con la sola eccezione di quelli esclusivamente di “ascolto” con postazioni sedute che garantiscano il distanziamento interpersonale. È inoltre vietata qualsiasi forma di aggregazione che possa creare assembramenti come ad esempio: ballo, happy hours, degustazioni a buffet ecc. L’attività di somministrazione di alimenti e bevande straordinaria, è consentita al massimo una volta mese, solo tramite servizio al tavolo, previa segnalazione certificata di inizio attività da trasmettere al Comune almeno 7 giorni prima della manifestazione. La musica non sarà consentita dalle 14.00 alle 16.00.

Una ulteriore novità sono le cosiddette “aree polifunzionali” che locali, bar e ristoranti potranno utilizzare secondo disposizioni ben precise. Per favorire il maggior distanziamento tra i tavoli, in via del tutto eccezionale per l’anno 2020 e senza necessità di comunicarlo agli uffici competenti, i gestori e proprietari dei locali potranno collocare all’interno di queste polifunzionali già autorizzate tavoli, sedie e relativi sistemi di ombreggio.
Per quanto riguarda le spiagge libere, l’accesso è consentito nel rispetto dei Protocolli di sicurezza, delle norme in materia di contenimento del contagio e del distanziamento interpersonale. Saranno effettuati controlli degli accessi da parte di personale autorizzato e in ogni spiaggia sarà affissa apposita cartellonistica plurilingue per informare i turisti sui corretti comportamenti da tenere per le misure anti Covid-19.

Dal 1° luglio è stato stabilito che gli stabilimenti balneari e le attività di somministrazione di alimenti e bevande potranno distribuire unicamente, bicchieri, cannucce e sacchetti monouso (shoppers) biodegradabili e/o compostabili, dotando, se necessario e possibile, le proprie strutture di appositi contenitori per la raccolta differenziata degli stessi in numero adeguato alle dimensioni e caratteristiche della propria attività ed al bacino di utenza. Confermato inoltre il divieto di fumo in battigia. L’ordinanza rumori 2020 ricalca quasi integralmente quella 2019 con in aggiunta i rimandi ai protocolli di sicurezza anti Covid-19.

“Ci rendiamo conto che quest’anno le regole da seguire sono tante – commenta il Sindaco Matteo Gozzoli – ma per fronteggiare questa emergenza e, allo stesso tempo per far ripartire il nostro motore economico dobbiamo impegnarci tutti per frequentare la spiaggia in maniera sicura e consapevole. Insieme ai nostri uffici e alle Cooperative degli stabilimenti balneari con il coinvolgimento delle associazioni di categoria abbiamo lavorato in sinergia per dare vita ad un’ordinanza che fosse rispondente alle esigenze dei bagnanti, ma che rispettasse i protocolli di sicurezza che la Regione ha pubblicato recentemente”

Più informazioni su