Pd Cesena: La città ha le carte in regola per diventare sempre più sostenibile, dalla bicicletta ai mezzi pubblici ed elettrici

“Cesena può diventare una città sempre più ideale dove muoversi quotidianamente in bicicletta e a piedi, dal centro alla periferia. Tanto è stato fatto in questi anni, sono infatti oltre 92 i km di piste ciclabili già esistenti, ma noi non ci accontentiamo e vogliamo progettare un futuro sempre più sostenibile” riporta la nota del Gruppo consiliare Pd Cesena.

“Questo percorso conoscitivo – sottolineano i dem – è stato importante anche per noi perché disponiamo ora di un quadro conoscitivo che descrive in modo preciso lo stato attuale del sistema di mobilità urbana e dei processi che caratterizzano il territorio. Questo ci servirà al fine di costruire, già dalle prossime settimane, la base decisionale per orientare la visione e le strategie nel medio e lungo termine, stabilire gli obiettivi e le priorità che ci vogliamo dare nei prossimi anni”.

“Le esigenze dei cesenati sono chiare – aggiunge la nota -, e sono emerse grazie ai tanti dati raccolti in questo percorso partecipato che ha visto l’Amministrazione comunale protagonista nelle ultime settimane. La necessità di maggiori e migliori collegamenti ciclopedonali, in particolare per chi viene da frazioni periferiche della città, dunque un rafforzamento e una messa in sicurezza delle infrastrutture ciclabili di collegamento tra il centro e la periferia della nostra città. Ma anche un servizio TPL potenziato e con fermate accessibili a persone con disabilità o mobilità ridotta. Tutto ciò, e questo i cesenati lo hanno riconosciuto, non sarà possibile se non partendo da un cambiamento culturale e delle nostre abitudini di vita. Per questo necessari, oltre agli investimenti infrastrutturali, saranno le politiche educative messe in campo dal Comune, partendo da un’educazione alla mobilità sostenibile nelle scuole fino a eventi cittadini dedicati a favorire la mobilità attiva. Tutti questi interventi non potranno essere portati avanti a spot, per questo fondamentale sarà il progetto prossimo a partire della “Bicipolitana” che ci permetterà di creare un sistema integrato di reti ciclabili estese a tutta la città, per una città sempre più a misura di ciclisti e pedoni, sempre più verde e pulita, con servizi dedicati e incentivi economici, premialità e agevolazioni per chi decide di spostarsi, per motivi di studio o di lavoro, con mezzi sostenibili, elettrici e meno inquinanti”.

“Infine, non possiamo non allargare il nostro sguardo al territorio della Valle del Savio che, anche grazie al forte sostegno della Regione Emilia-Romagna, in questi anni sta investendo sempre maggiori risorse per valorizzare e incentivare la sua naturale vocazione cicloturistica, con nuovi percorsi e progetti realizzati anche in collaborazione con gli operatori del territorio, con il duplice obiettivo di incrementare i flussi turistici in termini di presenze e di creare nuovi posti di lavoro locali. Dovremo quindi essere in grado di unire tutte le potenzialità del nostro territorio. Qui, a pochi chilometri di distanza, abbiamo mare e Appennino, luoghi d’arte e di cultura e il vivere lento deve essere sempre più una bandiera” conclude la nota.