Stipendi di dicembre 2020 slittati a febbraio 2021: stato di agitazione proclamato dai sindacati confederali per i dipendenti dei bar dell’Ausl Romagna

Più informazioni su

Filcams Cgil Forlì e Cesena, Fisascat Cisl Romagna, Uiltucs Uil Forlì e Cesena, insieme alle lavoratrici e lavoratori dipendenti di Sirio SpA che fornisce servizi di Bar in appalto presso le strutture dell’AUSL Romagna comunicano che dal 21 gennaio è stato attivato lo stato di agitazione a livello nazionale per quelle che i sindacati inquadrano come “gravi inadempienze dell’azienda, comunicate ai dipendenti tramite una nota interna, dove appunto l’azienda comunica lo slittamento del pagamento dello stipendio di dicembre non prima del 10/02/2021”.

Le sigle sindacali sottolineano che le lavoratrici e i lavoratori coinvolti, sono già duramente provati da quasi un anno di ricorso al Fondo di Integrazione Salariale (FIS) che conseguentemente ha portato ad una importante decurtazione del loro reddito, oltre a subire seri ritardi nei pagamenti delle proprie retribuzioni.

“Riteniamo inaccettabile- commentano – inoltre, il comportamento dell’azienda che continua ad investire risorse in nuove attività sul territorio nazionale, contraddicendo le dichiarate difficoltà economiche”.

Per tutti questi motivi, verranno presto indette assemblee sindacali con i dipendenti per decidere le azioni di lotta da mettere in campo nell’immediato.

Più informazioni su