Quantcast

Savignano sul Rubicone celebra la 77esima ricorrenza della Liberazione cittadina dal nazifascismo

Più informazioni su

Savignano sul Rubicone celebra la 77esima ricorrenza della Liberazione cittadina dal nazifascismoavvenuta nell’ottobre del 1944.

Il fronte di guerra, che dalla fine di settembre 1944 vide contrapposti l’esercito tedesco in ritirata verso il nord Italia e l’VIII armata dell’esercito inglese, si fermò per oltre dieci giorni sulle sponde del fiume Rubicone. Le abbondanti piogge ingrossarono i fiumi e i torrenti rendendo difficoltose le linee di rifornimento e gli spostamenti dei mezzi corazzati dell’esercito alleato. Dall’1 al 10 ottobre il Rubicone si ritrovò ad essere nuovamente il confine fra due mondi e Savignano sul Rubicone in piena zona di guerra fra i due eserciti che si
fronteggiavano a poche centinaia di metri di distanza, separati dal fiume in piena. I continui bombardamenti contrapposti provocarono il danneggiamento di circa l’80 per cento degli edifici e dei palazzi del centro storico, tra cui Villa Perticari, il Palazzo Comunale e il ponte romano sul Rubicone, minato e fatto saltare dai tedeschi in ritirata nella notte fra il 28 e il 29 settembre 1944 (restarono intatte le spalle e le fondamenta dei piloni).

In memoria della ricorrenza della Liberazione, giovedì 14 ottobre alle 21 nella Sala Allende, Corso Vendemini 18, il Comune di Savignano sul Rubicone propone uno spettacolo di teatro-musica di e con Lorenzo Bartolini dal titolo Le Vie della Resistenza, con musiche dal vivo di Giacomo Toni.

Per l’occasione nel foyer della Sala Allende sarà visibile la mostra fotografica Intorno al monumento. Savignano sul Rubicone al termine del passaggio del fronte e della Liberazione. Le fotografie provengono dall’archivio fotografico di Palazzo Vendemini dove sono custodite numerose immagini che documentano lo stato del paese dopo il passaggio del fronte (edifici, palazzi, strade, scorsi, vedute) in cui le rovine
provocate dalla guerra sono talmente sovrastanti da modificare e rendere irriconoscibile il profilo del paese stesso. Il titolo della mostra è ispirato al verso finale della poesia di Pietro Calamandrei “Lo avrai, Camerata Kesselring”.

Gli eventi si svolgono con il sostegno della Regione Emilia Romagna. L’ingresso è libero e gratuito. La cittadinanza è invitata a partecipare. È richiesto il green pass e il rispetto delle normative anti – Covid. Per info: Biblioteca di Palazzo Vendemini, tel. 0541 944017, e mail: cultura@comune.savignano-sul-rubicone.fc.it.

Più informazioni su