Quantcast

Cesena. Grave infortunio in Technogym Spa. Serve un cambio di passo sulla sicurezza

Più informazioni su

“In Technogym Spa, nella giornata di giovedì 14 ottobre, si è verificato un infortunio grave: un lavoratore è stato investito da un  carrello elevatore”. Ricordano i sindacati FIM-CISL, FIOM-CGIL,UILM-UIL e le RSU E RLS TECHNOGYM SPA.

“Questo accade nonostante l’attenta attività di monitoraggio e segnalazione di pericolo da parte della RSU/RLS che, purtroppo, non sempre vengono prese in considerazione da parte dell’azienda, oltre alle quotidiane procedure di segnalazione e analisi dei mancati infortuni – dichiarano i sindacati -. Come FIM-CISL, FIOM-CGIL, UILM-UIL e RSU/RLS, continuiamo a richiamare a gran voce la necessità di innalzare i livelli di sicurezza nel mondo del lavoro, di farla diventare un fondamento culturale collettivo, rafforzandola con la formazione e aumentando i livelli di controllo e prevenzione”.

“Sulla sicurezza non ci possiamo accontentare, l’obiettivo deve essere per tutti quello di ZERO INFORTUNI E ZERO MORTI SUL LAVORO!” – proseguono -. Evidentemente anche il modello produttivo di Technogym Spa deve prevedere un riordino per dare maggiori garanzie e tutele ai lavoratori e al sistema produttivo. Su questo ci attiveremo nei confronti dell’azienda in quanto riteniamo necessario strutturare strumenti e percorsi per migliorare ulteriormente la sicurezza di tutte le attività che vengono svolte nel sito, per intervenire in modo integrato a tutela della salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori”.

“La sicurezza non è un costo ma un investimento sul futuro, il profitto a discapito della sicurezza non è accettabile! – continuano i sindacati -. Su questi obiettivi, nell’interesse di tutti, auspichiamo che l’azienda risponda positivamente mettendo a disposizione tutte le risorse necessarie, diversamente valuteremo le iniziative che riterremo più opportune. La salute e la sicurezza sul luogo di lavoro è un requisito e un diritto imprescindibile e deve essere il pilastro portante del lavoro in tutto il paese”.

Più informazioni su