Dall’Argentina per studiare l’archivio di Alma Novella Marani: la Biblioteca Malatestiana ricorda la docente cesenate

Più informazioni su

Alma Novella Marani, di famiglia cesenate emigrata in America del Sud e personalità di spicco che incise in maniera importante sui rapporti culturali tra Italia e Argentina, è stata ricordata in Biblioteca Malatestiana in occasione della visita della ricercatrice italo-argentina Renata Bruschi, arrivata in città per studiare l’archivio Marani qui conservato e in fase di catalogazione da parte di Roberta Argento e Camilla Bonafede (Servizio civile in carico alla Malatestiana).

“La visita – commenta la Direttrice scientifica Giliola Barbero – è stata un’occasione di scambio di idee e di informazioni preziose. Oggi 15 settembre cadrebbe il compleanno di Alma Novella Marani, nata a Cesena nel 1922 e poi emigrata in Argentina, dove divenne docente di letteratura italiana all’università – amatissima dagli studenti – e direttrice della Società Dante Alighieri di La Plata. In occasione del centenario dalla sua nascita la Malatestiana darà spazio a un momento di studio, confronto e di approfondimento, su questa cesenate che ha portato la lingua e la letteratura italiana nel mondo”.

Nata a Cesena – tra San Vittore e Tipano – nel 1922, ben presto, Alma Novella Marani si è trasferita con la famiglia in Argentina. Alma, in una delle sue prime lettere scriverà “…sono nata in Italia, a Cesena, sebbene mi abbiano lasciata lì appena il tempo per nascere”. Nel 1942 si è diplomata nel Paese sudamericano come maestra d’asilo e nel ’44 ha conseguito il diploma di dottoressa in lettere di scuola secondaria normale e speciale presso l’Università Nazionale di La Plata. Nel giugno del 1963 ha conseguito anche il diploma di traduttore ed interprete italiano e francese e il 31 luglio di quell’anno è stata nominata titolare della cattedra di letteratura italiana dell’Università Nazionale di La Plata. Ha diretto per molti anni l’Istituto di Letteratura Italiana della Facoltà di Lettere, divenendo così un’affermata autorità nell’ambito degli studi di letteratura italiana e degli scambi culturali tra i due Paesi. Nel maggio del 1984 è rientrata a Cesena, dove è scomparsa il 3 novembre 2002.

Presso la Sala manoscritti della Biblioteca Malatestiana (su prenotazione, a causa dell’emergenza sanitaria) è possibile richiedere le edizioni delle opere di Alma Novella Marani e consultare – per comprovati motivi di ricerca – il suo archivio personale.

 

Più informazioni su