Si rinnova l’alleanza Cesena-Bratislava con la nuova esposizione delle foto del Centro Cinema cittadino

Assessore Carlo Verona: "l’arte non si ferma neppure in un contesto emergenziale"

Più informazioni su

L’Istituto Italiano di Cultura di Bratislava dopo il successo, nel giugno scorso, della mostra “Otto e mezzo di Fellini”, composta da immagini di Paul Ronald, che si è svolta nel centro di Bratislava e Kosice, in Slovacchia, anche quest’anno, considerato il perdurare dell’emergenza sanitaria, organizza dal 23 febbraio all’8 marzo 2021, all’aperto, nel centro della capitale, la mostra “Italia – Paesaggio, Film, Fotografia”.

Le immagini, che approdano a Bratislava grazie al Centro Cinema di Cesena e al curatore Antonio Maraldi, partono dall’immediato dopoguerra, quando, sulla spinta del Neorealismo, il cinema italiano è sceso nelle strade e nelle piazze di tutta Italia. Una pratica che ha riguardato anche commedie e melodrammi, cinema popolare e cinema d’autore, e che ha coinvolto tutto il settore dei decenni successivi.

“Una mostra a cielo aperto – commenta l’Assessore alla Cultura Carlo Verona – è un’ottima alternativa alla chiusura degli spazi espositivi e dei musei. Tutto il mondo vive un momento storico critico e certo non felice per l’ambito culturale ma la proposta di Bratislava è un chiaro segnale di come tutti possano fruire della cultura nel pieno rispetto delle restrizioni e in assoluta sicurezza. Del resto anche qui a Cesena sin dallo scorso anno abbiamo traslocato tutti gli eventi all’aperto trasformando alcuni parchi, penso all’area verde di Villa Silvia Carducci, in veri palcoscenici. Non meno lodevole è l’iniziativa di Green City Cesena che ha consentito a tutti di praticare sport, cultura e tante altre attività di diversa natura all’aperto senza alcuni rischio”. “Il nostro Centro Cinema – prosegue Verona – ci regala sempre grandi emozioni e non è la prima volta che gli scatti fotografici sono richiesti da Paesi esteri. Significativo infatti è stato il successo di ‘Otto e mezzo di Fellini’ che ha contribuito a dare lustro al grande cineasta riminese, di cui si è celebrato il centenario dalla nascita, in tutto il mondo. Gli scatti inediti di Paul Ronald hanno fatto tappa a Istanbul, presso la galleria Taksim Sanat, e a Grenoble, nei locali de La Maison de l’International, ma anche a Roma, alla Casa del Cinema, ancora in Francia, nell’ambito della 42esima edizione del Festival del Cinema Mediterraneo di Montpellier, a Los Angeles e a Shanghai”.

Varie pellicole, dalle quali provengono le 50 foto esposte, sono state proiettate nelle rassegne Cinevitaj e MittelCinemaFest che periodicamente presentano, in Slovacchia, diversi aspetti della cinematografia classica e contemporanea italiana.

Sarà così possibile vedere, per esempio, ad una fermata del tram, una immagine di grande formato di Vittorio De Sica che insieme a delle ragazze guarda il Canal Grande a Venezia, oppure vicino ad un semaforo Marcello Mastroianni e Virna Lisi che viaggiano in bicicletta, fino ad arrivare a storie più recenti, come quella tratta da “La pazza gioia”, dove Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti sfrecciano su una sgargiante Lancia Appia Convertibile.

L’esposizione rende testimonianza di questa modalità produttiva, puntando da un lato alla documentazione delle varie location regionali, scelte di volta in volta dalle diverse troupe, e dall’altro evidenziando l’eccellente lavoro di varie generazioni di fotografi di scena, succedutesi nel corso di oltre 70 anni.

Quasi tutta l’Italia è rappresentata, da Torino a Palermo, dal Friuli Venezia Giulia alla Sardegna, toccando piccoli paesi e grandi città, paesaggi campestri e scenari urbani. L’insieme forma un album affascinante di luoghi e immagini, frammenti di film e personaggi che da “Ossessione” di Luchino Visconti (1941) arriva a “Il traditore” di Marco Bellocchio (2019).

All’esposizione, visibile a Bratislava in spazi normalmente utilizzati per la pubblicità, è inoltre abbinata una rassegna cinematografica online sulla piattaforma Kino Doma della quale fanno parte film raffigurati nelle foto di “Italia – Paesaggio, Film, Fotografia”, tra questi “Benvenuti al Sud” di Luca Miniero, “Una questione privata” di Paolo e Vittorio Taviani e “Momenti di trascurabile felicità” di Daniele Luchetti.

Maggiori informazioni a questo link: https://iicbratislava.esteri.it/iic_bratislava/it/gli_eventi/calendario/2021/02/italia-paesaggio-film-fotografia.html

 

 

Più informazioni su