Lia Montalti (Pd): “Creiamo un’Agenzia Regionale per le Strade per la manutenzione delle nostre infrastrutture”

Più informazioni su

Al cinema Eliseo di Cesena si è tenuta l’inaugurazione della campagna per le Elezioni Regionali della consigliera Lia Montalti (Pd). L’evento, che vantava fra gli ospiti il Sindaco di Cesena Enzo Lattuca e Elisabetta Gualmini, ha riunito oltre 200 persone, provenienti da tutta la circoscrizione.

“Voglio ringraziare tutti i partecipanti – esordisce la Consigliera Lia Montalti -: con la loro presenza e il loro entusiasmo mi hanno trasmesso una carica straordinaria! Ho scelto per il lancio di questa campagna elettorale, e per la presentazione delle mie proposte, un cinema con una grande sala, contavo davvero di poterla riempire. E vedere così tante persone interessate, disposte a stare sedute sui gradini pur di ascoltare i miei progetti mi ha trasmesso una grande fiducia. Ci aspetta tanto lavoro nelle prossime settimane, insieme a Bonaccini, per coinvolgere e incontrare più persone possibili, ma siamo sulla strada giusta”.

La consigliera e candidata, raccontando il suo programma elettorale, ha lanciato in serata una proposta innovativa: “Dobbiamo puntare su un’Agenzia Regionale per le Strade. La Regione potrebbe riprendere la competenza di molte delle strade provinciali costituendo un’agenzia che si occupi in maniera costante e puntuale della manutenzione e di tutti gli interventi necessari per garantire la sicurezza e la fruibilità delle infrastrutture. È una proposta concreta che potrebbe essere rapidamente realizzabile già dall’avvio della prossima legislatura”.

“Ci tengo a ringraziare dal profondo tutte le persone che sono intervenute: i nostri Sindaci del territorio, la Giunta cesenate, il Partito Democratico che ha scelto di ricandidarmi e i tutti volontari della mia campagna. Il Sindaco Enzo Lattuca e l’Europarlamentare Elisabetta Gualmini con le loro parole ci hanno trasmesso speranza e fiducia per il futuro di questa nostra Regione. Ora è davvero tempo di scegliere il futuro dell’Emilia-Romagna”.

Più informazioni su