Trasporto Pubblico. Lega: “Tipano isolata, nessuna risposta ai residenti”

Più informazioni su

Nessun potenziamento della linea di autobus a Tipano, frazione di Cesena – scrivono in una nota i consiglieri comunali del Gruppo Lega, Antonella Celletti, Fabio Biguzzi, Enrico Sirotti Gaudenzia, Beatrice Baratelli. – Esattamente un anno fa diversi residenti della frazione, ubicata nel quartiere Oltre Savio, inviarono una lettera al sindaco Lattuca, alla società Start Romagna e, per conoscenza, all’allora presidente del Quartiere Gianfranco Rossi per chiedere il potenziamento delle corse da e per il centro cittadino. Tipano, infatti, dopo le 14.45 (orario dell’ultima delle corse effettuate nei giorni feriali nel solo periodo scolastico) risulterebbe completamente isolata. Sembra che, da allora, non sia arrivata alcuna risposta alla lettera, né in un senso, né nell’altro. Eppure una Giunta comunale che pontifica di mobilità sostenibile avrebbe dovuto prendere la palla al balzo, sollecitando Start Romagna o altri soggetti competenti a individuare una risoluzione. Due le questioni poste dai residenti: la prima riguarda il fatto che la frazione, rispetto al consistente incremento di abitanti e di famiglie con figli adolescenti, non dispone di biblioteca, esercizi commerciali, ambulatori, palestra, ecc. La seconda che l’assenza di servizi di trasporto pubblico obbliga all’utilizzo di mezzi privati, imponendo, nei fatti, l’isolamento a chi non dispone di mezzi propri, costringendo anziani ma anche giovani a rinunciare alla propria autonomia e alla libertà di movimento. Di qui, la presentazione di un’interrogazione, sollecitati anche dai neo-eletti consiglieri del Quartiere della lista ‘Insieme’, Matteo Evangelisti e Simonetta Gini, che hanno fatto propria la richiesta dei residenti. Nell’interrogazione chiediamo i motivi della mancata risposta agli abitanti di Tipano e a chi se ne debbano ascrivere le responsabilità, se e quali contatti siano intercorsi tra l’amministrazione comunale e la società Start Romagna o altri soggetti per arrivare a una rapida e soddisfacente risoluzione della carenza di corse, se l’allora presidente del Quartiere abbia rappresentato alla Giunta il problema sostenendo la richiesta e, soprattutto, quali iniziative si intendano assumere da subito per risolverlo. Crediamo anche che il servizio di trasporto pubblico debba essere organizzato meglio e risultare più efficiente. Meno propaganda e più concretezza”.

Più informazioni su