Quantcast

Spaccio e risse a ridosso del Comune. Gruppo Lega: “Situazione da affrontare con determinazione”

Più informazioni su

“Forse sarebbe ora che l’amministrazione cesenate e in particolare l’assessore Luca Ferrini affrontassero con più attenzione il tema del degrado, dell’insicurezza e dello spaccio nelle aree centrali di Cesena, addirittura nella zona del Mercato coperto e vie adiacenti, proprio a ridosso della sede comunale”. A parlare così sono, in una nota, i consiglieri del Gruppo Lega in consiglio comunale di Cesena.

“Non sono servite le segnalazioni di residenti e passanti – aggiungono -, non sono stati sufficienti articoli di stampa, interrogazioni e interpellanze per smuovere la Giunta. Più semplice non vedere o banalizzare questi fatti che affrontare la situazione con determinazione e capacità decisionale.  Ma noi non ci arrendiamo di fronte alle giustificazioni della Giunta. Il collega Enrico Sirotti Gaudenzi ha infatti presentato una nuova interrogazione dove denuncia non solo il reiterarsi di episodi di violenza nell’area del Foro annonario, ma anche lo spaccio abituale di sostanze, segnalato da residenti e utenti, nel vano scale dello stesso Foro annonario e nelle immediate vicinanze (Piazza del Popolo, via Fattiboni, Piazzetta Cesenati 1377, ecc.)”.

“Abbiamo appreso dalla stampa la lodevole iniziativa di una task force preventiva disposta nella giornata del 18 febbraio scorso da parte della Polizia di Stato coadiuvata da Polizia stradale e PM – continuano -. Crediamo che questa attività dovrebbe essere potenziata e rivolta in particolare ai luoghi dove vengono segnalati spaccio e azioni violente e vandaliche. Ciò che stupisce è che ancora l’assessore Ferrini, sia con dichiarazioni alla stampa che sul profilo social, continui a ironizzare su questi episodi e a minimizzarli. Di qui una serie di interrogativi e sollecitazioni (per esempio aumentare l’illuminazione in via Fattiboni e nella Piazzetta Cesenati 1377) per contrastare il degrado e per mettere a punto un piano complessivo di attività, in accordo con le Forze dell’Ordine, nella certezza che difficilmente si potrà ristabilire uno spontaneo ritorno alla normalità alla riapertura delle scuole, come ha indicato l’amministrazione, visto, tra l’altro, che la maggioranza degli episodi denunciati si concentrano nel week-end”.

Più informazioni su