Quantcast

Cambiamo Cesena: “Commissione straordinaria sui profughi afghani preziosa occasione di confronto”

Più informazioni su

La Lista Civica Cambiamo Cesena promuove “la scelta del dialogo”, ma rilancia le questioni ancora irrisolte: scuola, vaccini e status di rifugiati “Si è svolta giovedì sera la Commissione straordinaria dedicata alla gestione dell’emergenza dei profughi afghani. Una preziosa occasione di confronto fra l’amministrazione e le forze politiche della città, richiesta dalla lista civica Cambiamo. Dopo aver appreso dalle parole del sindaco lo status riguardante il numero di persone accolte nel territorio comunale, durante l’incontro abbiamo ribadito alcuni passaggi per noi necessari da affrontare, ponendo in primis l’attenzione sulla ‘qualità dell’integrazione’. A differenza di altre esperienze migratorie infatti, questa volta non avremo a che fare con singole persone, bensì con interi nuclei familiari, in alcuni casi anche numerosi, con nuovi bisogni e diverse esigenze di accoglienza” dichiarano.

Come emerso nel dibattito, avanzano, “determinante sarà la questione della tempistica che intercorrerà affinché queste persone ottengano lo status di rifugiati politici. Da questa risposta dipenderà anche la gestione organizzativa dell’accoglienza che se dovesse risultare duratura e in aumento come numero di richieste, dovrà prevedere anche un coinvolgimento più ampio del Terzo settore. Inoltre, conclusa la profilassi della quarantena, bisognerà nei tempi e nelle modalità poter mettere le persone accolte nelle condizioni di ricevere il vaccino anti-Covid ed eventualmente ragionare su un ingresso scolastico appropriato ed equilibrato per i minori e gli adolescenti, attraverso anche l’ausilio di mediatori, ovvero figure in grado di facilitare l’integrazione soprattutto accorciando le distanze culturali e linguistiche. Valutiamo positivamente la commissione svolta che, come auspicavamo, si è caratterizzata per dialogo tra Comune e forze politiche, garantendo così alla città quella trasparenza e condivisione che una questione umanitaria esige con l’impegno di mantenere il costante aggiornamento sull’evoluzione della situazione”.

Più informazioni su