Quantcast

25 Aprile: Potere al Popolo non sfila perché in piazza c’è il “fascismo dell’Italia Repubblicana”

Più informazioni su

Potere al Popolo di Forlì e Cesena non è in piazza oggi per il 25 Aprile e con una presa di posizione durissima spiega perché. “Dopo la seconda guerra mondiale gli stati europei si sono ristrutturati in chiave anticomunista oltre che da sempre antianarchica riabilitando personaggi dell’ex apparato nazifascista. Oggi questa espressione la vediamo con il commissariamento della politica italiana. La vediamo nella decisione di portare l’Italia in guerra, sputando di fatto sulla Costituzione. Costituzione che, attraverso nuove leggi e riforme dettate dalla UE come vincolo per accedere al prestito PNRR, vale niente di fronte alle esigenze del sistema  capitalista.”

Potere al Popolo poi attacca l’adesione alla Nato: “Nessun antifascista che abbia coscienza di ciò che vuol dire esserlo può accettare la NATO né dentro né fuori il suo paese. Ogni antifascista riconosce nella NATO un organizzazione terroristica legalizzata… Allo stesso modo nessun antifascista accetterebbe che una bandiera, di un paese che ha come guardia nazionale squadroni della morte nazifascisti, possa essere affiancata alle bandiere antifasciste che il 25 dovrebbero alzarsi al vento (il riferimento è all’Ucraina, ndr). Mentre l’antifascismo, è inteso dal centrosinistra come dogma generico, un rituale, come il pacifismo di facciata. Per noi è pratica di vita quotidiana. Per questo oggi sui nostri territori non ci vedrete sfilare. Riteniamo urgente e necessario essere in grado di individuare i fascismi nella società, nelle relazioni, nei dispositivi di cui il potere si serve. I meccanismi di ricatti economici, i tagli alla spesa sociale, la corsa forsennata alle armi, le devastazioni dei territori, gli abusi, la propaganda di guerra… Forse questo non rappresenta quel falso antifascismo di cui il PD si è messo alla testa? Tutto questo non è forse il fascismo dell’Italia Repubblicana?”

Più informazioni su