Scuola. Gli studenti di Cesena: una scommessa per Avis e il volontariato

Premiato i ragazzi vincitori del concorso di comunicazione “Carlo Carli”

Più informazioni su

Nella mattinata di ieri, nell’aula magna del Liceo Scientifico Righi di Cesena si è svolta la cerimonia di premiazione del concorso di comunicazione dedicato a Carlo Carli, ex giornalista e Consigliere di Avis Cesena. I temi del concorso sono stati la solidarietà sociale e del volontariato legati all’idea di dono. Le sezioni artistiche e comunicative in cui si sono sfidati i ragazzi sono state giornalistica e poetica, grafica-video e musica. Emozionatissimi i vincitori del concorso e orgogliosa Avis di aver premiato i loro bellissimi elaborati.

Per la sezione giornalistica e poetica i vincitori sono: 1° Giorgia Elezi 5°DS L. Monti, “Lettera a un angelo”; 2° Chiara Moretti 5°DS L. Monti, “Il dono che cambia la vita”; 3° Letizia degli Angeli 4°F L. Righi, “Amore in circolo”.

Per la sezione grafica-video i vincitori sono: 1° Chiara Degli Angeli 1°AS L. Monti, “Noi ci siamo”, 2° Pietro Magnani 1°A Versari-Macrelli, 3° Sofia Casadei e Victoria Pracucci 1°AS L. Monti, 3° Sara Gardini ITC Serra, 3° Francesco Brasina ITT Pascal.

Per la sezione musica i titoli vincitori sono: 1° Mariani, Rossi, Mondardini e Pasolini ITT Pascal, “Ogni Vita”.

Le menzioni alla critica: Corriere di Romagna: Alessia Muccioli 5°DS L. Monti “L’onorevole giudice Seems”; Il Resto del Carlino: Fabio Serio 1°C ITT Pascal “Il dono inaspettato”; Corriere Cesenate: Alessandro del Vecchio 4°DS L. Righi “L’esperienza del dono”.

Durante la mattinata l’entusiasmo dei ragazzi è stato coinvolgente anche per tutti i volontari AVIS e le autorità presenti alla premiazione. “Un ringraziamento speciale – si legge in una nota – va sicuramente agli organizzatori guidati dalla Dott.ssa Angela Torella e alle aziende del territorio che credono nel progetto. L’augurio del presidente AVIS, Fausto Aguzzoni, è che questa rete e collaborazione con il territorio e le nuove generazioni sia sempre più solida e positiva, e che ogni anno sia possibile offrire iniziative come queste, se non migliori. AVIS si augura che questo concorso sia solo il primo passo per l’inizio di una vita dedicata al dono da parte di questa nuova generazione di cesenati”.

Più informazioni su