Quantcast

Cesenatico: Fratelli d’Italia e Roberto Buda presentano il programma

Più informazioni su

Programmi e valori condivisi cementano la coalizione che sostiene la corsa di Roberto Buda a sindaco di Cesenatico. Se ne è avuto prova ieri mattina all’Hotel Miramare dove Fratelli d’Italia ha organizzato un momento di presentazione dei punti programmatici a cui hanno partecipato, oltre allo stesso Buda, Emilio Zarrelli (portavoce e capolista FdI Cesenatico), Roberto Petri (commissario provinciale di Fratelli d’Italia), il parlamentare Francesco Lollobrigida e Michele Barcaiuolo (coordinatore Regionale FdI Emilia-Romagna e consigliere regionale).

“Contrapponiamo alla politica dell’ancora la politica delle vele – ha detto il candidato sindaco – La politica è la nostra vela, il vento sono i cittadini e le imprese di Cesenatico, che devono avere un ruolo: ci attaccano perché, dicono, vogliamo aiutare qualcuno. No, noi vogliamo aiutare ogni cittadino, dai proprietari delle colonie a coloro che si sono trovati senza titolo edificatorio con il nuovo Pug, dai giovani alle famiglie”.

Per Emilio Zarrelli è arrivato il momento di “levare l’ancora. Siamo pronti a farlo con idee e progetti, con la politica del buon padre di famiglia”. Roberto Petri ha sottolineato come Fratelli d’Italia stia lavorando sodo per il successo di Roberto Buda e come l’obiettivo sia quello di affermarsi come primo partito della coalizione.

“La crescita del partito evidente – ha aggiunto Barcaiuolo – Quello di Cesenatico è un importante appuntamento elettorale, anche in ottica politica”.

“Le potenzialità di un territorio importante come questo sono evidenti – ha rimarcato l’onorevole Lollobrigida – Fratelli d’Italia sarà protagonista di questa tornata elettorale e perno del nuovo governo cittadino. A Roberto Buda garantiamo sin da oggi tutto il nostro supporto istituzionale: il governo nazionale dovrebbe guardare ai sindaci come patrioti del territorio, stanno sul pezzo dalla mattina alla sera e hanno bisogno della vicinanza dello Stato”.

Tornando al programma di coalizione, Buda ha citato alcuni punti. Dalla cultura, dove la sua amministrazione aveva costruito “un rapporto con le eccellenze del territorio, affidando a chi ha talento manifestazioni e cartelloni teatrali”. L’impegno per il futuro è quello di realizzare “una pinacoteca che metta a valore il patrimonio artistico che ora ammuffisce negli archivi comunali”.

Pesca e agricoltura sono settori centrali. “Abbiamo leggi europee che stanno penalizzando i pescherecci a gestione familiare, è fondamentale che l’amministrazione sostenga queste attività e all’interno del mercato ittico è possibile individuare un luogo dove trasformare il prodotto e creare un punto di contatto anche coi turisti”, ha spiegato Buda.

Uno dei punti su cui Fratelli d’Italia ha lavorato maggiormente è quello della sicurezza. “Tra baby gang e furti, un senso di insicurezza come quello di questa estate non lo si avvertiva da anni – ha detto il candidato sindaco – La risposta non può essere uno steward in piazza Costa. Bene il controllo di vicinato e le telecamere, idee nostre, ma servono più forze dell’ordine. Avevamo un’unità antidegrado che è stata sciolta, occorre rimettere in piedi il rapporto con i Comuni vicini, più risorse nella polizia locale e battere i pugni in Prefettura per avere più personale di polizia”, questa la proposta del centrodestra.

Sullo sviluppo del territorio “il nuovo Pug considera il forese come un’area protetta: chi lo ha adottato non conosce Cesenatico – ha concluso il candidato sindaco – campagna e frazioni sono vitali, ma se togli i diritti edificatori alle famiglie, costringi poi questi centri abitati a morire”.

Più informazioni su